giovedì 8 aprile 2021

Come si inzia da autodidatta sulla chitarra classica.

 Una delle grandi difficolta` quando sei autodidatta e` che nessuno puo` correggerti .

Molti ti diranno : "Cercati un buon maestro" . Ignari del fatto che forse non puoi spendere soldi.

Cosi` inizi a comprare libri di ogni genere nel tempo, non sapendo realmente di cosa hai bisogno.

Compri tonnellate di libri che non sai nemmeno come leggere , non sai come iniziare, vorresti provare tutto, ma il tutto e` frustrante , perche` capisci qualcosa e poi per anni resti sempre la,  non progredisci mai.

C`e` chi si tuffa nell eseguire solo pezzi, chi fa solo esercizi, chi prova a studiare seriamente facendo teoria esercizi e pezzi ma lavora per cui non ha tutto questo tempo, in un anno si rende conto che riesce ad eseguire solo esercizi elementari di Carulli.

I forum sono pieni di gente che prova a venderti nuovi metodi, sistemi rivoluzionari, altri ti propongono i classici , altri hanno le orecchie otturate e continuano  a ripetere "..si pero` se vai da un maestro..." . "Ma l `hai capito che 25 euro a lezione non posso spendirli o non vuoi capirlo ! ".

Su Youtube trovi di tutto, corsi velocissimi in 6 ore suoni la chitarra. Altri ti propongono gia` il fingerstyle, nemmeno sai le note di base e poi ci sono i corsi a pagamento online "ti insegnano? ..bo " .

Io di testi e metodi ne ho letti tanti, quello che sono riuscito a capire e che in realta` il percorso non e` con 1 solo testo. Il metodo e` organizzato con testi che sviluppano la mano destra, altri la sinistra, altri la lettura, altri la memorizzazione e cosi` via.

Allo stesso tempo pero` capisco anche che molti di noi sono lavoratori e che tutto questo tempo non ce  l hanno. Vorrebbero imparare le basi , riuscire a leggere gli spartiti e suonare pezzi medio-facili.

Be` questo e` il mio diario della chitarra classica, sono caduto molte volte, lasciando la chitarra da parte perche` non vedevo progressi, ma questa volta credo di aver centrato la strada, per lo meno proviamoci.

Tutti i video presentati sono collegati a un canale youtube dove , quando mi sento pronto registro il mio esercizio. Il registrarsi e` fondamentale perche` e` i quel momento che farai 1000 errori e forse capirai che non ti sei esercitato abbastanza.


Il mio personale consiglio e scegliere 1 metodo 1 solo, e seguire pagina per pagina dall inzio alla fine. Se ti farai distrarre cone "ah...ma ora devo fare le scale" oppure "ah ora devo fare gli arpeggi" non andrai mai avanti, perche` l`autodidatta e` tale perche` ha poco tempo a disposizione, una media di 30-40 min al giorno.

Per cui scegli 1 metodo solo e seguilo pagina per pagina fino alla fine, dell`800 ce ne sono migliaia gratis di pubblico dominio : Carulli op. 27 - Carcassi op. 59 - Mauro Giuliani op. 1 - Sor metodo - Aguado metodo.

Oppure moderni, ma devi acquistarli : Gangi 3 volumi - Chiesa 4 volumi. 

 Questi ultimi  hanno solo la tecnica, devi affiancarli con un testo di brani come ad esempio il Sagreras 7 volumi sono di pubblico dominio.


Acuni dei primi esercizi che ho fatto studiando da autodidatta :

Esercizi sulla scala di Do



Esercizi sulle corde e sulla risonanza








0 comments:

Posta un commento

Lascia il tuo commento, no spam grazie.